Ambruccia,  Dream

Keep your dreams alive, dreaming is still how the strong survive.

La citazione che ho usato per il titolo viene dalla canzone iniziale “Once upon a time in New York City” del film Disney “Oliver & Company” ed è un pezzo che io adoro sia per il bellissimo testo sia perchè l’ho ascoltata in loop mentre giravo per le strade di New York, un viaggio che ricordo sempre con piacere. Mi è venuto però in modo automatico in mente questo verso quando ho pensato di scrivere un post riguardante una bucket list.

Hai mai provato a pensare a qualche desiderio nel cassetto e a buttar giù una lista? Io ricordo che fin da bambina più che bucket list ero quella delle to-do-list e solitamente le scrivevo sui miei diari in certi momenti dell’anno, come ad esempio settembre o gennaio, quando iniziava la scuola o quando cominciava un nuovo anno. Solo una volta ho scritto una bucket list/wish list molto personale circa 3 anni fa e mi sono resa conto che i desideri di qualche anno fa sono rimasti abbastanza invariati, sono solo cambiate delle priorità ad esempio.

In questo anno difficile, che forse a te o ad altri potrebbe anche sembrare “sprecato”, e che per quanto mi riguarda mi ha messa a duro prova non solo per il Covid nonostante mi abbia anche donato momenti di cui sono profondamente grata, ho deciso di provare a scrivere una bucket list con raggio d’azione indeterminato, non voglio essere troppo vittima del tempo, non mi piace il classico tick-tock che la società spesso mette soprattutto in testa ai giovani. Sono dell’idea che ognuno ha il suo tempo e il suo modo, nessuno è in ritardo e nessuno è in anticipo, trovo però molto utile buttare giù qualche idea per capire cosa mi piacerebbe fare degli anni che ho davanti a me e impegnarmi per raggiungere quegli obiettivi.

Nota bene: eviterò di scrivere cose che riguardano troppo la mia vita personale ed eviterò di includere delle persone (anche se so benissimo con chi vorrei fare determinate cose), preferisco pubblicare solo desideri che riguardano le mie passioni più grandi. Anche perchè va bene programmare ma.. quanto è bello poi arrivare alla meta e improvvisare?

  • Festeggiare i miei 30 anni facendo skydiving (ps. soffro di vertigini!!!)
  • Visitare tutti i parchi Disney del mondo
  • Arrivare ad avere almeno 13 tatuaggi (piccoli o grandi che siano)
  • Tornare a guidare la macchina
  • Dato il desiderio di prima, fare un viaggio on the road in America sulla route 66 e partecipare al cambio guidatore!
  • Vedere l’albero di Natale di Rockfeller Center acceso
  • Mangiare del vero pad thai in Thailandia
  • Fare un bagno nelle acque di Bali
  • Imparare lo spagnolo (almeno per le comunicazioni base!)
  • Frequentare un corso da sommelier
  • Imparare a cucire
  • Frequentare un corso di cioccolateria
  • Mangiare insetti (anche se mi fa schifo l’idea, ma voglio essere coraggiosa!)
  • Visitare gli Studios di Harry Potter a Londra
  • Visitare Hobbitville in Nuova Zelanda
  • Vedere gli alberi di ciliegio in Giappone
  • Dormire in una casetta nei boschi del Canada
  • Frequentare un corso da sub
  • Partecipare ad un matrimonio al sud (sì, voglio magnà!)
  • Visitare la città dei miei parenti siciliani
  • Vedere tutte le 7 meraviglie del mondo (almeno le moderne!)
  • Vedere i Blind Guardian in concerto prima che si ritirino!
  • Bere un birra in Irlanda
  • Vedere i castelli della Scozia
  • Entrare in una piscina termale in Islanda (in inverno ovviamente!)
  • Adottare un animale in via di estinzione (con WWF puoi!)
  • Vedere l’aurora boreale nei paesi nordici
  • Fare un viaggio in Europa in treno
  • Fare un viaggio in van in Australia
  • Tornare a Cuba e vedere tutta la parte “wild”

Un piccolo extra: nei miei 20s ho naturalmente avuto qualche wish-bucket list nella mia testa e mi fa piacere scrivere qui quello che avevo in mente e che sono riuscita ad ottenere. Vorrei precisare che non è assolutamente tutto quello che avevo programmato di fare, anzi.. ma comunque ogni tanto fa bene darsi una pacca sulla spalla e dirsi da sola “brava!”. Ecco qui:

  • Lavorare in un parco Disney (2017-2019)
  • Fare un viaggio completamente da sola, sia durante il tragitto, sia a destinazione (2018)
  • Vedere New York (2018, il viaggio era appunto quello di cui parlo sopra!)
  • Tatuarmi per la prima volta (2015)
  • Vivere all’estero (2017-2019)
  • Prendere la patente (2014)
  • Comprare e guidare un motorino (2019)
  • Vivere da sola (con coinquilini 2010 per la prima volta, completamente da sola nel 2019)
  • Tingermi i capelli di rosso e rasarmi una parte laterale di capelli (2016)
  • Mettermi a posto i denti (2010-2015)
  • Frequentare un corso di pasticceria (2015)
  • Vivere in un’altra città italiana diversa da Genova (2010-2012)
  • Fare il bagno in un cenote del Messico e vedere Chichen Itza (2019)
  • Vedere il Grand Canyon (2019)
  • Creare e indossare il female cosplay di Pennywise – It (2020)
  • Cucinare e mangiare il ramen tradizionale giapponese (2020)
  • Incontrare Caparezza (dal 2011 in poi è successo svariate volte!)
  • Donare il sangue (cosa che faccio regolarmente ormai dal 2017!)
  • Fare volontariato (2019 in poi, alla Lega Tumori LILT)
  • Aprire un food/travel blog (2017)
  • Dormire in barca (2018)
  • Fare il bagno ed arrampicarmi in una cascata immersa nella natura (Puerto Rico, 2018)

Insomma rileggendo la mia lista ho pensato: “cavolo, quante cose voglio fare!.. ce la farò?” Non lo so ma cercherò di raggiungere almeno buona parte di queste voci. E se non ci riuscirò, sarò contenta di averci provato sempre e comunque con tutte le mie forze: infatti penso che avere dei sogni sia importante e che motivi ognuno di noi a vivere a pieno i nostri giorni.. ed ecco il perchè del titolo di questo post. Ma alla fine il mio unico obiettivo della vita è essere felice. Nient’altro.

E tu? Hai mai pensato ad una tua personale bucket list? Se ti va scrivimi nei commenti qualche idea, magari prendo spunto! Al prossimo post, enjoy!

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
cookingwithsere
cookingwithsere
Dicembre 7, 2020 8:29 pm

Stupenda! Mi hai tenuto incollata e un po’di malinconia e nostalgia mi è venuta. Non so quanti hai, io 37 (ancora giovane eh) me lo dico da sola 🤦, ho due bimbe, un lavoro che mi piace, un marito (anche quello mi piace) e una casa. Prima delle bimbe mi sono tolta qualche bel desiderio, adesso però con loro mi rendo conto che la mia lista dei desideri l’ho dimenticata, non so da quanto tempo che non penso ai miei desideri. Uno però l’ho costruito ho messo on line il mio blog per me stessa, una passione che ho da anni e tenuto sempre in un cassetto. ❤️ Scusa la lungaggine ma mi hai ispirato ❤️

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x